Statuto
dell'Associazione
Art. 1 - E' costituita l'Associazione Nazionale Italia Kuwait.

Art. 2 - L'Associazione ha la sua sede centrale a Firenze. Possono essere costituite, previa apposita deliberazione del Consiglio Direttivo, sedi periferiche in Italia e una rappresentanza in Kuwait.

Art. 3 - L'Associazione si propone di:

- sostenere il diritto del popolo kuwaitiano alla libertà e all'indipendenza, attraverso gli ordinamenti e le istituzioni che si è dato, e garantire la sovranità nazionale dello Stato del Kuwait;
- diffondere e favorire la conoscenza della storia, della cultura e delle tradizioni del Paese;
- promuovere e sostenere anche in collaborazione con istituzioni, enti e associazioni kuwaitiane ed italiane, ogni iniziativa utile a favorire gli scambi culturali, sociali ed economici e quanto altro possa contribuire a più stretti rapporti fra i due Paesi;
- promuovere e sostenere il ruolo internazionale del Kuwait, con particolare riferimento alla sua presenza nel Consiglio di Cooperazione del Golfo e ai rapporti fra lo stesso C. C. G. e l'Unione Europea che rappresentano elementi importanti di una concreta politica di collaborazione e di amicizia;
- favorire tutte le occasioni di dialogo fra mondo islamico e mondo occidentale come condizione necessaria per costituire insieme una società migliore e libera nella pace e nel rispetto delle diversità;
- assicurare ogni forma di amicizia e collaborazione a favore dei cittadini, delle istituzioni e degli enti kuwaitiani in Italia;
- l'Associazione non ha scopo di lucro (no profit). A tale proposito viene espressamente vietata la distribuzione di utili o avanzi di gestione, fondi, riserve o capitale anche in modo indiretto, nonché la rivalutazione delle quote sociali a qualunque titolo.

FINANZIAMENTI ED ESERCIZI SOCIALI
Art. 4 - L'attività sociale è finanziata:

- dalle quote sociali;
- da eventuali erogazioni dei soci e dei terzi a titolo di sovvenzioni, contributi, donazioni, etc.

Art. 5 - L'anno sociale va dal 1° Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno. Entro sei mesi dal termine di ciascun anno verranno predisposti, a cura del Consiglio Direttivo, il rendiconto economico-finanziario e quello preventivo del successivo esercizio, documenti questi obbligatori.


SOCI
Art. 6 - possono essere ammessi all'Associazione tutti coloro che lo richiedano, ne condividano gli scopi e si impegnino a rispettare lo Statuto. O Soci hanno tutti uguali diritti ed è in ogni caso intrasmissibile lo "status" di Socio. Ad ogni Socio spetta un singolo voto nelle assemblee sociali, fatte salve le deleghe ricevute.

Art. 7 - Sulle domande di ammissione decide con giudizio inappellabile, il Consiglio Direttivo nella sua prima riunione.

Art. 8 - La qualità di Socio si perde per dimissioni, per morosità, recesso o indegnità; la morosità viene dichiarata dal Consiglio Direttivo, l'indegnità dal Collegio di Garanzia.


CONSIGLIO DIRETTIVO
Art. 9 - L'Associazione è retta da un Consiglio Direttivo, composto da un numero di soci variabile da 7 a 11 membri, eletto dall'Assemblea che ne determina preliminarmente il numero. Il Consiglio dura in carica due anni e i suoi componenti sono rieleggibili. Il Consiglio può chiamare a farne parte fino ad un massimo di tre soci per far fronte ad incarichi o necessità particolari. I consiglieri cooptati hanno solo volto consultivo.

Art. 10 - Il Consiglio Direttivo nella sua prima riunione elegge il Presidente, uno o due vicepresidenti e il segretario. Il Presidente, i Vicepresidenti e il Segretario compongono il Comitato Esecutivo che viene integrato da un consigliere indicato dal Consiglio Direttivo. Il Comitato Esecutivo ha compiti organizzativi e decisionali e può adottare tutte le determinazioni che assumono carattere di urgenza dandone poi informazione al Consiglio Direttivo nella sua prima riunione. Il Presidente può assegnare specifici incarichi o deleghe sia ai componenti il Consiglio Direttivo che il Comitato Esecutivo.

Art. 11 - Il Consiglio si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o ne sia stata fatta richiesta da almeno tre dei suoi membri, e comunque almeno tre volte all'anno, per deliberare in ordine al consuntivo economico-finanziario e a quello preventivo, all'ammontare della quota sociale e dell'attività dell'Associazione. Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza effettiva della maggioranza dei membri del Consiglio ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti, ed in caso di parità prevale il voto di chi lo presiede. Le riunioni di Consiglio sono presiedute dal Presidente ovvero, in sua assenza, dal Vicepresidente e in caso di assenza di entrambi dal membro più anziano di età fra i presenti. Delle riunioni del Consiglio viene redatto il relativo verbale sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.

Art. 12 - Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell'Associazione. Il Consiglio può istituire, per particolari attività, commissioni "ad hoc", coordinate da un suo componente, che possono essere composte da soci e simpatizzanti. Il Consiglio fissa ogni anno la quota o il contributo associativo.

Art. 13 - Il Presidente rappresenta legalmente l'Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio cura l'esecuzione dei deliberati dell'Assemblea e del Consiglio, salvo ratifica da parte dello stesso alla prima riunione.
In caso di assenza le funzioni del Presidente vengono assolte dal Vicepresidente anziano.


ASSEMBLEA DEI SOCI
Art. 14 - I soci sono convocati in Assemblea dal Consiglio almeno una volta all'anno, con comunicazione personale inviata almeno quindici giorni prima di quella fissata per la riunione. L'Assemblea deve essere convocata su domanda motivata di almeno un decimo dei Soci.

Art. 15 - L'Assemblea delibera sul bilancio preventivo e sul rendiconto economico-finanziario e sugli indirizzi generali. Elegge il Consiglio Direttivo e il Collegio dei Revisori, modifica con maggioranza qualificata lo Statuto, discute e decide su quant'altro ad essa demandato per legge o per Statuto.

Art. 16 - Hanno diritto di intervenire all'Assemblea con elettorato attivo e passivo tutti i Soci in regola con il pagamento della quota annua. I Soci possono farsi rappresentare da altri Soci.

Art. 17 - L'Assemblea è presieduta da un Socio eletto dall'Assemblea. Il Presidente è assistito da un Segretario, eletto dall'Assemblea. Hanno diritto di intervenire tutti gli ammessi all'Assemblea. Le Assemblee sono validamente costituite e deliberano con le maggioranze previste dall'art. 21 e seguenti del C. C.


REVISORI
Art. 18 - La gestione dell'Associazione è controllata da un Collegio dei Revisori, costituito da tre membri effettivi e da due supplenti eletti dall'Assemblea, che resta in carica due anni come il Consiglio Direttivo. I membri effettivi nominano nel loro seno il Presidente. I Revisori, che sono invitati ad assistere alle riunioni del Consiglio Direttivo, dovranno accertare la regolare tenuta della contabilità sociale, redigeranno una relazione al bilancio, potranno accertare la consistenza di cassa e l'esistenza dei valori e dei titoli di proprietà sociale ricorrendo anche ad atti di controllo e ispezione. Il Presidente del Collegio dei Revisori partecipa anche alle riunioni del Comitato Esecutivo.


COLLEGIO DI GARANZIA
Art. 19 - L'Assemblea nomina un Collegio di Garanzia composto da tre membri e integrato dai soci fondatori fra i quali viene scelto il presidente. I componenti del Collegio di Garanzia partecipano con volto consultivo alle riunioni del Consiglio Direttivo. Il Presidente del Collegio partecipa anche a quelle del Comitato Esecutivo. Il Collegio ha il compito di dirimere qualsiasi controversia sorta nell'ambito sociale e può essere sentito dal consiglio per quelle fra l'Associazione e terzi esterni. Dura in carica due anni.


SCIOGLIMENTO
Art. 20 - Lo scioglimento dell'Associazione è deliberato dall'Assemblea. L'Assemblea provvede alla nomina di uno o più liquidatori. In caso di scioglimento, il fondo o il patrimonio saranno devoluti integralmente ad altra associazione con finalità analoghe, con assoluta esclusione di distribuzione tra gli associati.

 

CONTROVERSIE
Art. 21 - Tutte le controversie sociali saranno sottoposte con esclusione di ogni altra giurisdizione alla competenza del Collegio di Garanzia così come previsto dall'art. 19.

 

 
 
Associazione Nazionale Italia-Kuwait - Via della Colonna, 35/A - 50121 - Firenze - tel. 055 2340451 - fax 055 2340254
 
Negozi Hogan Napoli Online Hogan Outlet Napoli Online Hogan Napoli Via Dei Mille Online Negozio Hogan Napoli Online Centro Hogan Napoli Online